Shock per la misteriosa morte di un volontario delle Nazioni Unite in Colombia

LINGUA

Mario Paciolla, collaboratore della Missione di Verifica del processo di pace, è stato trovato senza vita a metà luglio a San Vicente del Caguán. Le cause del decesso non sono ancora state chiarite.

Venerdì il corpo del volontario ONU Mario Paciolla, trovato morto in Colombia a metà luglio in circostanze ancora da chiarire, è arrivato in Italia. Tuttavia, questo è solo l'inizio dell'indagine sul misterioso caso di questo giovane collaboratore della Missione di verifica delle Nazioni Unite nel Paese andino. Le autorità italiane chiedono chiarimenti sull'accaduto; sua madre, Anna Motta, rifiuta la versione della polizia colombiana, che ha etichettato il caso come un suicidio. I suoi amici, scioccati, lo ricordano come un uomo allegro ed educato. La morte di Paciolla ricorda un caso che ha lasciato il segno in Colombia: quello di Giacomo Turra, morto a Cartagena nel 1995 in custodia della polizia, le cui indagini non sono mai state completamente risolte. Inoltre, ricorda anche il caso di Giulio Regeni, assassinato in Egitto nel 2016

Mario Paciolla, 33 anni, lavorava nella zona di San Vicente del Caguán, nel dipartimento meridionale di Caquetá - precedentemente uno dei territori della guerriglia delle FARC - in cui la delegazione delle Nazioni Unite sta valutando lo stato di avanzamento del processo di pace raggiunto dal governo colombiano con tale gruppo di ribelli quattro anni fa. Il napoletano era uno dei 105 volontari che sostengono i funzionari di quella missione. La mattina del 15 luglio, secondo diverse fonti consultate a San Vicente, due suoi colleghi sono andati a cercarlo nella sua casa, situata nel quartiere di Villa Ferro, in questo comune di 70.000 abitanti. L'italiano - hanno detto - non ha risposto alle loro chiamate al cellulare. Hanno quindi chiesto al proprietario della casa di aprire la porta per loro. In quel momento, uno dei suoi compagni entrò in casa, trovò il suo corpo senza vita e avvisò la polizia.

Ciò che è accaduto nelle ore e nei giorni precedenti la sua morte rimane poco chiaro e pochi ne vogliono parlare. La missione di pace ha rilasciato una breve dichiarazione in cui si rammaricava della morte di Paciolla. Ha annunciato che "è in corso un'indagine interna e sta seguendo da vicino le indagini delle autorità colombiane per determinare le cause della morte". Sua madre disse al quotidiano "La Repubblica" che suo figlio "era terrorizzato: negli ultimi sei giorni, ha mostrato solo preoccupazione e ansia per qualcosa che aveva visto, compreso e intuito".

Il proprietario della casa dice che non ha sentito alcun rumore strano all'alba e che ha aperto la porta ai colleghi del volontario solo perché erano preoccupati e gli dicevano che dovevano fare un viaggio e Paciolla non ha risposto. Il suo proprietario ricorda Mario come un ragazzo "decente, educato e solitario", che aveva vissuto in quella casa per un anno e tre mesi e che gli aveva parlato per l'ultima volta due giorni prima della morte mentre il napoletano fumava una sigaretta sul balcone. In quel momento disse al padrone di casa che il suo contratto era stato rescisso e che sarebbe tornato in Italia, sebbene non gli avesse detto nè quando nè il perché.

La madre di Paciolla ha fornito altri dati che saranno fondamentali per l'indagine. “So solo che da venerdì 10 luglio, la scorsa settimana [prima della morte], mio ​​figlio era in uno stato di grande sofferenza. Mi disse alla lettera: "Mamma, devo tornare a Napoli, mi sento sporco, devo venire a bagnarmi nelle acque di Napoli" ", ha detto la donna alla stampa italiana, aggiungendo che suo figlio ha discusso con i suoi capi a cui ha parlato con "chiarezza" e che si era "messo nei guai".

L' inchiesta è ora nelle mani del vice procuratore colombiano, Martha Janeth Mancera, che, secondo il ministero degli Esteri, "ha chiesto di esplorare tutte le ipotesi per garantire che tutte le risorse investigative vengano utilizzate in questo caso".

CATALINA OQUENDO

Fonte: https://elpais.com/internacional/2020-07-27/conmocion-por-la-misteriosa-muerte-de-un-voluntario-de-la-onu-en-colombia.html?outputType=amp&__twitter_impression=true

circled-left.png
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now